Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66
L’antipatica » 2007 » Maggio

You are currently browsing the L’antipatica weblog archives for the day Martedì, Maggio 8th, 2007.

8 Maggio 2007

Politicamente scorretto


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\functions-formatting.php on line 83

Dapprima si può sperare che qualcosa di incredibilmente positivo conduca il “centro gravitazionale” in questione fuori dai piedi. Ma quando la situazione si trascina, per un periodo che sembra diventare eterno, si può dire di essersi rotti le scatole o risulta ancora politicamente scorretto?

Adoro porre domande la cui risposta è totalmente inutile.
D’altra parte ciò che più amo di questo mio piccolo angolo di web è proprio il potermi esprimere fuori dai denti.
Chiunque trovi urtante ciò che scrivo ha la meravigliosa possibilità di non leggerlo. Così come io ho quella di dire che mi sono davvero, davvero, davvero rotta le scatole.

8 Maggio 2007

Quello che le cassiere non dicono


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\functions-formatting.php on line 83

Al telefono

Cliente: “Salve, cosa c’è lì da voi questa sera?”
Cassiera: “Questa sera abbiamo un bellissimo spettacolo di cabaret”
Cliente: “Ah.” Attimo ri riflessione. “Ma cabaret-cabaret?”
Cassiera: No, che si crede? Noi siamo un passo avanti, il nostro è cabaret subacqueo: l’attore si cala in una vasca e tenta di far ridere con il solo ausilio del pensiero.

Ancora al telefono

Cliente: “E’ da voi che c’è cabaret questa sera?”
Cassiera: “Esattamente, proprio qui”
Cliente: “Ma è cabaret che fa ridere?”
Cassiera: No, è cabaret drammatico.

Mai stato al cinema

Cliente: “Cos’avete in programma questa sera?”
Cassiera: “Cinema: Autumn in New York. Alle venti e trenta ed alle ventidue e trenta.”
Cliente: “Capisco. Ma…” attimo di indecisione “…è senza attori veri, quindi?”
Cassiera: (cerca di buttarla sul divertente) “Non saprei, nella quantità qualcuno di bravo magari lo si trova anche”
Cliente: “Ma no, no, intendevo: senza attori che recitano dal vivo, è così?”
Cassiera: Che sciocca! Come ho fatto a non capire? Certo, è un po’ complicato far entrare Manhattan sul palcoscenico, ma con i nuovi effetti speciali…