Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66
L’antipatica » 2007 » Ottobre

You are currently browsing the L’antipatica weblog archives for the day Lunedì, Ottobre 15th, 2007.

15 Ottobre 2007

Il trillo del cellulare


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\functions-formatting.php on line 83

Mi ha chiamata.
Ero a lavoro ed avevo appena attaccato il telefono dopo una chiacchierata con André, Ileana era andata via da poco ed ero abbastanza tranquilla.
Mi ha chiamata e sul momento sono riuscita a mantenere un certo distacco. Certo, ero contenta di sentirlo, come lo sarei di parlare con un qualsiasi amico. Poi è sbottato, aprendo un varco in quelle sue difese insormontabili, mi ha parlato di cosa stava accadendo, di come si sentiva. Non è stato di molte parole, solo una o due frasi giunte quando già la conversazione stava terminando.
Mi ha chiamata e mi è mancato il fiato.
Mi ha parlato e avrei voluto ascoltare tutto ciò che aveva da dire, in silenzio, restando lì, semplicemente presente.
Mi ha mostrato un frammento di sé ed il sole mi è parso più caldo.
Persino il caso ha avuto rispetto, deviando tutti dalla bolla di sapone nella quale mi trovavo, proteggendomi fino al fatidico clik di comunicazione interrotta. E poi il caos, con il telefono che ha ripreso a squillare ed i clienti che cercavano di passare l’uno davanti all’altro. Ma prima c’èra stato il silenzio ed il mio cuore ha sorriso.

Poi ti ho mandato un sms: “ti voglio bene.” Quanto abbiamo abusato di questo termine negli anni passati?
Posso davvero esserti amica.
Una buona amica.
E la tua risposta mi ha colta completamente alla sprovvista.