Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66
L’antipatica » Blog Archive » Il pan di spagna

 

Il pan di spagna


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\functions-formatting.php on line 83

E’ una giornata atipica: sono rimasca a casa invece di andare a lezione, e l’ho fatto deliberatamente, nonostante non avessi nulla di particolare da fare. Per ingannare il tempo vi propongo una ricetta con la quale avrete sempre risultati fantastici, tali da poter dire “io porto il dolce!” ogni volta che una cena si profilerà all’orizzonte ;)
La prossima volta parleremo anche della decorazione :)

IL PAN DI SPAGNA

Ingredienti:
Uova: 6
Zucchero: 180 gr
Farina: 75 gr
Fecola: 75 gr

Temperatura: 140°
Tempo: 45 minuti

Il cardine di tutto è il tempo, quello che impiegherete per sbattere le uova: è in quel frangente, infatti, che le bollicine d’aria verranno incorporate nell’impasto, permettendo al dolce (che non usa lievito!) di diventare alto e soffice.

Iniziamo con il separare i tuorli dall’albume. Aggiungiamo ai tuorli lo zucchero, mescolando il tutto con un frullatore fino a quando il composto non sarà diventato chiarissimo. montiamo a neve anche gli albumi e poi incorporiamo i due composti. ATTENZIONE: il movimento del cucchiaio (meglio se di legno) deve andare dal basso verso l’alto. Mescolando come se fosse il minestrone appena messo sul fuoco non farete che sciogliere tutta la vostra spumosa fatica.
Continuate a sbattere con un frullatore elettrico per una ventina di minuti. Il composto, a quel punto, dovrebbe “scrivere”, vale a dire che sollevando le fruste l’impasto che ricade nella ciotola non affonda, bensì resta in superficie come un segno grafico. Se così non è… continuate a lavorare il composto.

Ora potete aggiungere la farina e la fecola. Usate sempre un setaccio: anche questo serve ad incorporare aria, e mischiate delicatissimamente con movimento dal basso verso l’alto. Non usate fruste elettriche.

Imburrate una teglia ed infarinatela. Versatevi dentro il composto ed infornate a forno caldo. Non aprite mai il forno durante la cottura e non sbattacchiate la teglia fino a che il pan di spagna non si sarà ben raffreddato. Capirete che il pan di spagna è pronto quando i bordi si stacchranno da soli dalla teglia. Per maggiore sicurezza potete pungerlo con uno stuzzicadente: se ne uscirà pulito allora potete sfornare, altrimenti occorre ancora del tempo. In ogni caso lasciate riposare la torta a forno spento per qualche minuto (non troppi) così che non patisca il cambio repentino di temperatura.

Dopo aver effettuato queste operazioni si può togliere la torta dalla teglia per farla raffreddare su una rete o, se non ne avete a disposizione, su un vassoio della giusta dimensione.

Alla prossima puntata per la farcitura. Nel frattempo… buon appettito ;)

This entry was posted on Mercoledì, Ottobre 10th, 2007 at 10:26 and is filed under Cucina. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.