Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66
L’antipatica » Blog Archive » Patate Duchessa

 

Patate Duchessa


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\functions-formatting.php on line 83

8 porzioni: 

  • 1 kg di patate 
  • 60 g di burro
  • 2 ova e 2 tuorli
  • Noce moscata

Sbucciare e tagliare a spicchi le patate, metterle in una casseruola, copritele a filo d’acqua fredda leggermente salata e lessatele per 30 minuti. Scolatele e passatele al passaverdura. Insaporire con sale, pepe ed una grattata di noce moscata. Incorporare il burro. Mettere sul fuoco basso e mescolare energicamente fino ad ottenere una purea piuttosto asciutta. Togliere dal fuoco e aggiungere l’uovo e il tuorlo. Mescolare fino a incorporarli perfettamente, a piacere unire un po’ di parmigiano grattuggiato. Imburrare una placca da forno, riempire per metà una tasca da particcere con il puré preparato e fatelo scendere sulla placca a ciuffi, a esse o a nidi (così da poterli riempire di verdurine stufate). Infornare a 200° per 15 minuti e lasciare gratinare.
Per una doratura più accentuata durante gli ultimi 2 minuti accendere il grill, ma non perdere di vista le patate perché potrebbero bruciarsi in fretta.
Servire calde.

This entry was posted on Domenica, Dicembre 16th, 2007 at 21:44 and is filed under Cucina. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.