Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66

Strict Standards: Only variables should be passed by reference in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\gettext.php on line 66
L’antipatica » Blog Archive » Mikhail

 

Mikhail


Deprecated: preg_replace(): The /e modifier is deprecated, use preg_replace_callback instead in D:\inetpub\webs\loscrignoit\wp\wp-includes\functions-formatting.php on line 83

Sono un viaggiatore.
Compagno della natura, mia madre e sorella, amante ed amica.
Non ho famiglia se non il mio falco, compagno dai limpidi occhi pungenti. Con lui ho attraversato continenti lontani alla ricerca di qualcosa che mi spingesse a restare. Le onde del mare hanno lambito il mio corpo, troppo esile per essere vigoroso come quello di un uomo, troppo alto e imponente per essere aggraziato come quello di un elfo, lasciandomi il suo odore nelle narici mentre mi allontanavo ancora, trovandomi a calpestare la neve bianca e soffice delle montagne, candida veste della mia prima amante: la natura che con il suo ambiguo abbraccio mi ha sempre concesso ciò di cui avevo bisogno. Non desidero altro.
Non devo desiderarlo.
Estraneo, ho vissuto in torbidi insediamenti umani e nelle alte torri delle città elfiche, ovunque guardato con malcelato sospetto, ovunque considerato intruso.
Un figlio bastardo non avrà mai dimora. La mia frusta ha punito chiunque mi abbia chiamato così.
Mia madre è la foresta, mio padre il cielo, la mia casa è il mondo. Ma prima di comprenderlo ho cercato altrove la mia strada, vendendo il mio braccio come mercenario in piccole faide tra famiglie rivali o tra regni pervasi dal malsano desiderio del potere.
Una ferita mi ha impedito di utilizzare la spada per molto tempo, ma tutt’ora ho scelto di non portarla al fianco. Arco, frusta e faretra sono il mio unico equipaggiamento militare.
Il mio nome è Mikhail, ma spesso vengo chiamato Signore dei Falchi grazie alla mia affinata sensibilità verso gli animali: amo vagare nelle loro menti e vedere attraverso i loro occhi, amo sentire la loro libertà così diversa dalla mia e così priva della vibrante inquietudine che mi accompagna.

This entry was posted on Venerdì, Gennaio 26th, 2007 at 00:51 and is filed under Frammenti, Frammenti fantasy. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.